Categorie
Attualità Social Network

Silvia Romano: un’altra storia di odio selettivo

Il meccanismo dell’odio a cura di webeti frustrati è molto selettivo. Mira a donne, possibilmente cooperanti e/o appartenenti a ONG. Frutto di anni di campagna contro le stesse condita dal sempreverde sessismo mai seriamente contrastato e talvolta sdoganato.